• Carnevale: è tempo di Schiacciata alla fiorentina 22 Gennaio 2019
      “Dolce antichissimo” scriveva Aldo Santini ne La cucina fiorentina: Storia e ricette. “Accompagnava il Carnevale. E a differenza di tutte le altre schiacciate toscane confezionate per la Pasqua, che son tutte alte, questa è bassa” aggiungeva prima di fornire la ricetta. In effetti se non fosse bassa, in questo caso circa due centimetri e mezzo, non…
    • Pisa e dintorni 20 Gennaio 2019
      Pisa e dintorni: Articoli relativi a "Pisa e dintorni" Pisa e l'Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale L'antico attracco e la basilica di San Piero a Grado Abbazia di San Savino a Montione La pieve di Calci Vico Pisano: per le vie del borgo medievale Galleria foto di Vico Pisano S. Jacopo […]
    • Lunigiana 17 Gennaio 2019
      Lunigiana: In Lunigiana: il castello di Malgrate e il borgo murato di Filetto In Lunigiana: la pieve di Santo Stefano e "Il guerriero" di Sorano Castel Aghinolfi in Lunigiana A Codiponte in Lunigiana: un’antica pieve Il castello del Pignaro e il Museo delle stele (Parte prima: Il castello del Piagnaro) Il castello del Piagnaro e […]
    • Itinerari a piedi in Toscana 15 Gennaio 2019
      Itinerari a piedi in Toscana Un itinerario a piedi sulla Via degli Dei Un itinerario a piedi illustrato: da Buonsollazzo a Monte Senario Un itinerario a piedi: Petroio, Rincine, Fornace, Caiano Da Tagliaferro a Buonsollazzo: un altro tratto della Via degli Dei A Grosseto in giro per le mura medicee Camminare in Toscana: la Comunità […]
    • Il Pantheon degli Etruschi 11 Gennaio 2019
      Il Pantheon degli Etruschi Le divinità etrusche Livio definiva il popolo di Veio di gran lunga il più religioso  eo magis dedita religionibus, quod excelleret arte colendi eas (Ab Urbe condita, V, 1). Gli Etruschi furono sicuramente tra i popoli italici i primi a costruire un’immagine antropomorfa degli dei, probabilmente influenzati dai contatti con il mondo […]
    • Gli stabilimenti della Società Metallurgica Italiana di Campotizzoro 9 Gennaio 2019
      Gli stabilimenti della Società Metallurgica Italiana di Campotizzoro Archeologia industriale in Toscana Lo stabilimento in piena attività (foto d'epoca) L’abbondanza di corsi d’acqua con notevole pendenza, di legname e la produzione di carbone della Montagna Pistoiese avevano favorito la lavorazione del ferro e dei suoi derivati già a partire dalla seconda metà del XIX secolo, […]
    • San Gusmè 6 Gennaio 2019
      Siamo a San Gusmè un piccolo borgo murato a pochi chilometri da Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena. È situato sul collo del monte presso le prime sorgenti dell’Ombrone sanese, sulla strada rotabile che da Siena guida a San Gusmè, già detto in Campi, ch’ebbe e conserva il nome dell’antica sua chiesa parrocchiale San Cosimo in…
    • Vicissitudini di un’abbazia: Abbadia a Monastero d’Ombrone 3 Gennaio 2019
      Abbadia a Monastero d’Ombrone Conosciuta anche con il nome di Abbadia della Berardenga nella valle dell’Ombrone senese o come in origine di San Salvatore e Alessandro di Fontebuona a Campi sopra il torrente Coggia, a pochi chilometri da Castelnuovo Berardenga, ha una storia antica e molto travagliata. Oggi si presenta imponente nella vastità degli edifici […]
    • I top ten di dicembre 2018 1 Gennaio 2019
        I 10 articoli più letti nel mese di dicembre 2018     Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette La battaglia di Montaperti fra storia e leggende Firenze in antiche mappe Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette Santa Maria Novella a Firenze: storia di un’antichissima spezieria Quattro…
    • La genesi del paesaggio classico (quinta parte) 1 Gennaio 2019
      Dalle fonti antiche e secondo l’osservazione dell’antropologo Con particolare riguardo al paesaggio toscano di Giovanni Caselli Rosa di Damasco o bifera Per quanto riguarda i fiori del giardino vi erano diverse varietà di rose, come la famosa rosa di Damasco (Rosa bifera), altre varietà venivano dal Caucaso e dalla Persia. Erano famosi i giardini di […]

O.D.E.S.S.A. L’ora della fuga – Ferrini, Pizzuoli

Edida - Ferrini & Pizzuoli - O.D.E.S.S.A. - L'ora della fuga

Una spy story fuori dagli schemi e dai risvolti imprevedibili dentro una scrupolosa ambientazione e ricostruzione storica. Siamo quasi alla fine del secondo conflitto mondiale, l’epilogo imminente incombe sugli alti ranghi della Germania nazista: Leonard Walder, ufficiale della Wehrmacht, incappa suo malgrado in un’operazione segreta, ODESSA. Inseguito e ricercato trascorrerà il periodo dell’immediato dopoguerra fuggendo, spia e spiato, e la sua storia personale si intreccerà con il tragico esito del conflitto.

 

PER ACQUISTARE:

:: Su Amazon

COMMENTI

Un ottimo romanzo storico, dove anche chi ha combattuto dalla parte sbagliata ha la possibilità di riscatto. Bella la trama dal finale sospeso.

Ho terminato la lettura del romanzo O.D.E.S.S.A. di Alessandro Ferrini e Salvina Pizzuoli – Edizione Edida. Una storia con rigorosa ambientazione storica che inizia il 10 agosto 1944 e ha il suo epilogo nel 1960, ma con un finale aperto…. In questo romanzo scritto a quattro mani, la sensibilità femminile e quella maschile degli autori si fonde e dà origine ad un testo che si legge tutto in un fiato, tanto è scorrevole, pieno di azione e colpi di scena, narrati con grande delicatezza. Protagonista ed antagonista sono entrambi tedeschi. Il primo è un uomo dall’animo gentile che. suo malgrado si trova costretto a combattere e uccidere. Il suo odio per tutte le guerre, che considera crimini contro “l’umanità e la bellezza” è un’istanza di amore universale che si contrappone ai perversi ideali nazisti, ben caratterizzati nella figura del colonnello Baumann e dei suoi collaboratori. Fra gli altri personaggi del romanzo tutti maschili e di varie nazionalità, a sottolineare il superamento del concetto di razza e di patria, spicca la delicatezza di due giovani donne, una tedesca e l’altra ebrea. Complimenti agli autori Alessandro Ferrini, Salvina Pizzuoli, a Stefano Angelo per l’edizione, a Lamberto Salucco e Elena Salucco per la copertina.

Un giusto connubio tra la spy story ed il romanzo storico. Questa in sintesi l’avvincente trama di O.D.E.S.S.A. gli autori hanno saputo tratteggiare a quattro mani una storia convincente, verosimigliante sul piano storico e senza contraddizioni interne. La tecnica narrativa, in perfetto stile Dan Brown o Glenn Cooper (per citare due romanzieri che vanno per la maggiore), procede speditamente concedendo al lettore poche pause mentali dipanandosi tra capitoli brevi e salti spazio-temporali finalizzati al procedere sincronico delle diverse sfaccettature della vicenda. L’effetto è quello di un romanzo da bere tutto d’un fiato, dall’inizio alla fine, salvo per qualche digressione descrittiva che non scivola mai (deo gratias!) nel didascalismo alla Eco e quindi non interrompe l’intensità narrativa. Rimarchevole anche il fatto di aver affidato il ruolo di protagonisti della vicenda a personaggi che di fatto combattono una guerra contro la guerra, aggiungendo così un tocco per così dire “etico” non scontato e al contempo sempre di grande attualità. Unico appunto: nelle situazioni di maggior tensione, la suspance poteva essere mantenuta più a lungo dilatando in parte i tempi narrativi. Ma si va a cercare l’ago nel pagliaio! Un libro da leggere quindi, per tutti e di sicura soddisfazione.

Ho appena terminato la lettura del romanzo O.D.E.S:S.A i cui autori,Alessandro Ferrini e Salvina Pizzuoli,hanno saputo inserire una bella storia in un periodo storico terribile ma al tempo stesso affascinante. La descrizione dei personaggi è molto dettagliata tanto che il lettore segue con profonda partecipazione gli avvenimenti che li vede impegnati nelle varie situazioni in cui sono coinvolti. L’ambientazione storica è molto precisa e la trama narrativa s’inserisce perfettamente nel quadro più generale dei vari ingranaggi che caratterizzavano l’organizzazione nazista Odessa.Questo romanzo,dalla scrittura agile, concreta e piacevole,presenta azioni e colpi di scena che si susseguono in maniera imprevedibile e perfettamente incastonati nella storia che si dipana sotto gli occhi attenti del lettore.La conclusione del romanzo sembra aprire alla speranza o almeno ad una possibile serenità dopo tanti momenti tragici.E’ un libro che coinvolge emotivamente , che si legge con vero piacere e che consiglio decisamente.

Il romanzo prende il via, non certo per caso, dalla città di Landsberg nelle drammatiche fasi finali del crollo dell’egemonia nazista nel 1945. Dopo appena poche righe si resta catturati dalla descrizione accurata dei luoghi e dei personaggi, si respira quasi l’odore della paura tra i soldati e gli ufficiali tedeschi, un tempo modello di rigore, che invece si muovono in modo frenetico e scomposto in divise polverose e trasandate. In quest’atmosfera di disfatta un semplice tenente della Wehrmacht si trova suo malgrado coinvolto nell’operazione Odessa, un sacrificabile per i gerarchi nazisti che si preparano alla fuga, ma un troppo attento e acuto osservatore che finirà col mettere scompiglio nei loro piani. Inizia così la storia avvincente e convincente di una fuga nella fuga, raccontata in un linguaggio asciutto e preciso, in cui la realtà storica è pienamente rispettata e la trama, coinvolgente e ricca di tensione, non è mai leziosa. Viene voglia di approfondire, di saperne di più, sia della Storia che delle vicende umane dei tanti sacrificabili che hanno contribuito a farla.

Partendo dal presupposto che è un genere che adoro ho trovato il romanzo molto bello e particolare ma soprattutto molto interessante!

 

 

AUTORE

Salvina Pizzuoli, docente di materie letterarie, scrive articoli, recensioni, saggi su riviste e quotidiani. Sebbene prevalentemente si occupi di saggistica e dintorni si è dilettata in escursioni in territorio narrativo con una raccolta di racconti e un romanzo breve, ma anche con un testo tra narrativa e saggistica “Quattro donne e una cucina“, pubblicato da Edida dopo aver vinto il concorso di Prosa e Poesia. Da allora collabora attivamente sia curando la rubrica “Lettere all’Autore” sia come responsabile della Redazione. Si occupa inoltre della rivista online tuttatoscana.net, a cura di Alessandro Ferrini, dove pubblica anche vari articoli a carattere storico e letterario.

Alessandro Ferrini, docente di materie letterarie, scrive saggi a carattere storico e letterario che ha pubblicato con varie Case Editrici insieme a testi e manuali scolastici di lingua e letteratura latina. Si è occupato di bibliofilia e ha partecipato alla redazione del “Manuale enciclopedico della bibliofilia”. Di recente con Salvina Pizzuoli ha pubblicato in ebook, curato da Edida, “Fatti e Fattacci al tempo di Firenze capitale” e condivide con Lamberto Salucco ed Edida il Progetto. Ha collaborato a varie riviste e attualmente dirige online tuttatoscana.net.