• Il paesaggio agrario nella Toscana del Medioevo 20 Febbraio 2019
      Il paesaggio agrario nella Toscana del Medioevo La Toscana offre una ricchissima varietà di paesaggi naturali o frutto del lavoro dell’uomo: percorrendo la regione lungo il litorale o risalendo il corso dei principali fiumi dalla foce verso la sorgente, oppure scendendo lungo le valli più interne il paesaggio muta continuamente nello spazio di poche decine […]
    • Maremma 18 Febbraio 2019
      Roselle, l'area archeologica della città etrusco romana Cosa, l'area archeologica e il Portus Cusanus Istia d'Ombrone Scarlino, la rocca pisana L'abbazia di San Salvatore e la leggenda di re Rachis Abbadia San Salvatore, il borgo medievale Lungo la via del Montecucco: Cinigiano e il Castello di Porrona Sulla via del Montecucco: da Paganico ad Arcidosso […]
    • Voglia d’estate, voglia di “Frissoglia” 16 Febbraio 2019
      Piatti tipici della tradizione toscana: storia e ricette
    • Chianti 14 Febbraio 2019
      Sulla via del vino: il castello di Montegufoni Sulla via del vino: il castello di Volpaia Un itinerario fotografico: sulla via del vino da Poppiano a Montespertoli Tra le verdi colline del Chianti:  Castello di Tignano Le meraviglie del passo di Coltibuono San Romolo a Gaville e lungo le colline del Chianti San Gusmè La […]
    • tuttatoscanalibri.com 13 Febbraio 2019
      Gentili Lettori, nel menù compare ultimamente l’etichetta “da leggere“ in sostituzione di “tuttatoscanalibri”, il blog a cui si può accedere sia dalla rivista sia tramite indirizzo (tuttatoscanalibri.com). Come indicato in corrispondenza della sua nascita, ormai quasi un anno fa, il blog vuole essere un servizio per chi cerca di districarsi in questo grande mare che…
    • Valdambra: da Bucine alle sorgenti dell’Ombrone 12 Febbraio 2019
      In Val d’Ambra, castelli e abbazie In Valdambra: il castello di Cennina Galleria foto Castello di Cennina In Valdambra Badia Agnano e Badia a Ruoti La pieve di Galatrona e le opere dei della Robbia Vicissitudini di un’abbazia: Abbadia a Monastero d’Ombrone
    • Casentino 10 Febbraio 2019
      l Pratomagno Casentino da scoprire: la pieve di San Martino a Vado Casentino da scoprire: il castello di Castel san Niccolò Casentino da scoprire: San Michele Arcangelo a Cetica In Casentino: Castel Focognano In Casentino: la pieve di Sant'Antonino a Socana Il castello di Romena fra poesia e leggenda Omaggio a Dante nel 750° della […]
    • La Toscana dei castelli 8 Febbraio 2019
      Castelli in Toscana: Aghinolfi Casenovole Castel Focognano Castel San Niccolò Cennina Carmignano Malgrate Montalto Montarrenti Motegufoni Montemassi Piagnaro Porrona Rocca di Crevole Rocca San Silvestro Romena Sarteano Scarlino Suvereto Trebbio Verrucole Articoli correlati: Donne e castelli…delitti e congiure Castel di Pietra e la leggenda della Pia Galleria foto: Castelli di Toscana
    • Francigena 5 Febbraio 2019
      Francigena in Toscana Itinerario di Sigerico: il tracciato della via Francigena nella Toscana dell’anno 1000 Luoghi e paesaggi della via Capire il paesaggio della via Francigena in Toscana (prima parte) Capire il paesaggio della via Francigena in Toscana (seconda parte) Bagni termali lungo la via Francigena Lungo la Francigena in Toscana: da Lucca a Luni […]
    • Tre dolci tipici di Carnevale 3 Febbraio 2019
      Dolci tipici di Carnevale: Un dolce Berlingozzo per il prossimo Berlingaccio Carnevale: è tempo di Schiacciata alla fiorentina I cenci dell'Artusi

Filastrocche Pollicine – Rosa Rita Formica

Filastrocche Pollicine - Rosa Rita Formica - edida

È uscito il libro “Filastrocche Pollicine” di Rosa Rita Formica.

Nove filastrocche, scritte e illustrate da Rosa Rita Formica, nate per abbracciare le paure più comuni dei bambini: il buio, i rumori, la rabbia, i mostri, etc.

Rappresentano un tipo di gioco verbale che può diventare motorio, ritmico e creativo con attenzione all’affettività relazionale. I personaggi paurosi diventano simpatici, sanno sorridere di loro stessi. Si manifestano interi e autentici negli aspetti belli e anche in quelli meno piacevoli: sono protagonisti allo specchio.

Filastrocche divertenti, disponibili in vari formati, da leggere con i genitori alla scoperta della parte più positiva e spontanea di grandi e piccini.

 

PER ACQUISTARE:

:: Formato ePub
:: Formato PDF
:: Versione multimediale per iPad (con audio)

 

Testi e illustrazioni: Rosa Rita Formica
Voce (versione iPad): Maria Chiara Salucco
E-book design: Stefano Angelo
Musica originale & editing audio: Rebus Multimedia

COMMENTI

Filastrocche – Allegre filastrocche consigliatissime, complimenti anche per la lettura e la musica! Voce incantevole

Bellissima la voce che legge le filastrocche


 

AUTORE

Ciao a tutti da Rosa Rita Formica. Sono nata a Cividale del Friuli, un’antica cittadina longobarda bagnata dal fiume Natisone. Da piccolissima ho iniziato a camminare tra i boschi e in campagna seguendo i passi di mio padre, grande camminatore. Lui mi ha donato la capacità di amare la natura e ascoltarla in tutte le sue manifestazioni. La mia passione per le filastrocche e le fiabe è nata così.

Mi sono laureata in pedagogia e ho frequentato, per alcuni anni, il corso di laurea in educatore extrascolastico arrivando quasi alla seconda laurea. Poi ho deciso che la mia passione per la pedagogia si manifestasse in maniera concreta, attraverso la pratica professionale.

Mi sono quindi rimboccata le maniche e per quasi tredici anni ho lavorato in ambito psichiatrico, occupandomi di riabilitazione e coordinamento dei centri diurni psichiatrici. In quel contesto ho imparato, davvero, cosa fosse la vita e la sofferenza degli emarginati. Periodo ricco per me di incontri che mi hanno resa migliore. L’incontro con il disagio profondo mi ha donato molto e, perché no, mi ha fatto sorridere della mia follia, quella che c’è in ognuno di noi. In quel contesto ho creduto nell’arte, nella creatività, nel potenziale umano andando oltre la malattia mentale. Ho sostenuto i gruppi di auto aiuto tra pazienti che hanno iniziato a essere una fucina di condivisione e di sostegno. Molta formazione personale e molti formatori mi hanno dato in quegli anni buone basi professionali.

Poi, dopo una vita personale complessa e ricca di passaggi non sempre facili, anch’essa tavolozza da cui ho tratto colori, è arrivata nella mia vita Carlotta, mia figlia. Attraverso il viaggio con lei ho incontrato le difficoltà di una mamma come tante in prima linea. Quando ho scoperto che lei era celiaca è giunto come dono anche il mio impegno nelle diverse Associazioni AIC, che ha prodotto scritti, pubblicazioni, un libro di fiabe e considerazioni pedagogiche sul problema intitolato “La vecchia Igea e gli amici del bosco”, convegni pedagogici, interventi su blog e siti educativi per genitori.

Dopo la psichiatria ho iniziato a lavorare come consulente pedagogica delle famiglie e dei bambini. Da più di dieci anni sto svolgendo questa professione con amore e fiducia anche attraverso l’esperienza dei laboratori creativi esperienziali di ascolto in cui guardo con occhi colorati, al potenziale dei bambini e del sistema famiglia e accolgo il loro disagio.

Un grazie particolare lo debbo all’incontro con le costellazioni familiari sistemiche, metodo di B. Hellinger, che ha rivoluzionato il modo di guardare me stessa e gli altri.