• Il paesaggio agrario nella Toscana del Medioevo 20 Febbraio 2019
      Il paesaggio agrario nella Toscana del Medioevo La Toscana offre una ricchissima varietà di paesaggi naturali o frutto del lavoro dell’uomo: percorrendo la regione lungo il litorale o risalendo il corso dei principali fiumi dalla foce verso la sorgente, oppure scendendo lungo le valli più interne il paesaggio muta continuamente nello spazio di poche decine […]
    • Maremma 18 Febbraio 2019
      Roselle, l'area archeologica della città etrusco romana Cosa, l'area archeologica e il Portus Cusanus Istia d'Ombrone Scarlino, la rocca pisana L'abbazia di San Salvatore e la leggenda di re Rachis Abbadia San Salvatore, il borgo medievale Lungo la via del Montecucco: Cinigiano e il Castello di Porrona Sulla via del Montecucco: da Paganico ad Arcidosso […]
    • Voglia d’estate, voglia di “Frissoglia” 16 Febbraio 2019
      Piatti tipici della tradizione toscana: storia e ricette
    • Chianti 14 Febbraio 2019
      Sulla via del vino: il castello di Montegufoni Sulla via del vino: il castello di Volpaia Un itinerario fotografico: sulla via del vino da Poppiano a Montespertoli Tra le verdi colline del Chianti:  Castello di Tignano Le meraviglie del passo di Coltibuono San Romolo a Gaville e lungo le colline del Chianti San Gusmè La […]
    • tuttatoscanalibri.com 13 Febbraio 2019
      Gentili Lettori, nel menù compare ultimamente l’etichetta “da leggere“ in sostituzione di “tuttatoscanalibri”, il blog a cui si può accedere sia dalla rivista sia tramite indirizzo (tuttatoscanalibri.com). Come indicato in corrispondenza della sua nascita, ormai quasi un anno fa, il blog vuole essere un servizio per chi cerca di districarsi in questo grande mare che…
    • Valdambra: da Bucine alle sorgenti dell’Ombrone 12 Febbraio 2019
      In Val d’Ambra, castelli e abbazie In Valdambra: il castello di Cennina Galleria foto Castello di Cennina In Valdambra Badia Agnano e Badia a Ruoti La pieve di Galatrona e le opere dei della Robbia Vicissitudini di un’abbazia: Abbadia a Monastero d’Ombrone
    • Casentino 10 Febbraio 2019
      l Pratomagno Casentino da scoprire: la pieve di San Martino a Vado Casentino da scoprire: il castello di Castel san Niccolò Casentino da scoprire: San Michele Arcangelo a Cetica In Casentino: Castel Focognano In Casentino: la pieve di Sant'Antonino a Socana Il castello di Romena fra poesia e leggenda Omaggio a Dante nel 750° della […]
    • La Toscana dei castelli 8 Febbraio 2019
      Castelli in Toscana: Aghinolfi Casenovole Castel Focognano Castel San Niccolò Cennina Carmignano Malgrate Montalto Montarrenti Motegufoni Montemassi Piagnaro Porrona Rocca di Crevole Rocca San Silvestro Romena Sarteano Scarlino Suvereto Trebbio Verrucole Articoli correlati: Donne e castelli…delitti e congiure Castel di Pietra e la leggenda della Pia Galleria foto: Castelli di Toscana
    • Francigena 5 Febbraio 2019
      Francigena in Toscana Itinerario di Sigerico: il tracciato della via Francigena nella Toscana dell’anno 1000 Luoghi e paesaggi della via Capire il paesaggio della via Francigena in Toscana (prima parte) Capire il paesaggio della via Francigena in Toscana (seconda parte) Bagni termali lungo la via Francigena Lungo la Francigena in Toscana: da Lucca a Luni […]
    • Tre dolci tipici di Carnevale 3 Febbraio 2019
      Dolci tipici di Carnevale: Un dolce Berlingozzo per il prossimo Berlingaccio Carnevale: è tempo di Schiacciata alla fiorentina I cenci dell'Artusi

El baul de Arriaga – Francisco Delgado Montero

El baul de Arriaga - Francisco Delgado Montero - edida

Segnaliamo il primo libro in lingua spagnola pubblicato da edida: “El baúl de Arriaga” di Francisco Delgado Montero. È una novella storica sugli ultimi quattro anni di vita di Juan Crisostomo Arriaga, il giovane compositore prematuramente scomparso.

Se volete immergervi nelle atmosfere parigine degli inizi del XIX secolo, attraverso gli occhi di un giovane musicista basco, questo è il libro che fa per voi!

 

PER ACQUISTARE:

:: Kobo
:: iTunes
:: Amazon
:: in formato PDF o ePub

 

DESCRIZIONE

Francisco Delgado Montero, dottore in psicologia e autore di numerose pubblicazioni sulla vita e le opere di grandi compositori, ha scritto questa novella storica sugli ultimi quattro anni di Juan Crisóstomo Arriaga, passati a Parigi, basandosi sul lavoro di ricerca svolto dal biografo Ramón Rodamiláns e da altri ricercatori baschi.

La lettura di questo libro ci proietta nella Parigi degli inizi del XIX° secolo, negli ambienti musicali, artistici e umani in cui il giovane Arriaga trascorse gli anni più intensi.

I suoi successi, le sue illusioni, la sua solitudine, i rapporti a distanza con i familiari e la sua malattia costituiscono il tessuto emozionale che avvolge il lettore fino all’ultima pagina.

Juan Crisóstomo Arriaga nasce a Bilbao il 27 gennaio del 1806. In questa città trascorre l’infanzia e si forma musicalmente con il violinista Faustino Sanz. Si distingue sin dagli inizi per i propri virtuosismi e per le prime composizioni musicali che annunciano un importante futuro.

Arriaga è l’ultimo figlio di una famiglia numerosa; perde la madre a undici anni e il rapporto con il padre (una personalità complessa e secondo il figlio iperprotettiva) è costellato da forti incomprensioni.

Arriaga soffre molto anche durante la malattia della madre, messa in una sorta di isolamento ingiustificato. Il padre decide di inviarlo a Parigi, al compimento del quindicesimo anno di età e ciò non migliora i rapporti tra loro.

Le lettere che Arriaga riceve non sono mai coinvolgenti e lo tengono all’oscuro di questioni importanti, come alcune difficoltà economiche e la malattia della sorella. Arriaga si sente isolato e abbandonato, lasciato al margine.

La vita di Arriaga (come studente e professore di contrappunto) nel conservatorio diretto da Luigi Cherubini è molto intensa, ricca di soddisfazioni e amarezze dovute a regole ferree e “razionaliste” non sempre accettate.

Ha una forte ammirazione per uno dei suoi professori, François-Joseph Fétis che arriverà a considerare come amico durante il periodo della malattia e che sarà fondamentale per il riconoscimento del valore di Arriaga grazie al suo “Biographie des musiciens”.

Arriaga muore a Parigi il 16 gennaio del 1826 e viene sepolto, il giorno dopo, in una fossa comune, a pochi giorni dal compimento del ventesimo anno di età. Dopo la sua morte, inspiegabilmente, i suoi oggetti personali vengono chiusi e “dimenticati” per circa trenta anni in due bauli. Alla riapertura la maggior parte dei documenti importanti, ovvero gli spartiti e i suoi appunti di lavoro, risultano erosi dal tempo e dai topi.

Nel 1886 Arriaga ricompare grazie alla pubblicazione, in un giornale di Bilbao, della traduzione della parte del libro di Fétis che lo riguarda.

Nel 2000 viene pubblicato il libro biografico En busca de Arriaga di Ramón Rodamiláns che rende un doveroso omaggio al giovane musicista, prematuramente scomparso.

 

 

AUTORE

Francisco Delgado Montero (Salamanca, 1948) è dottore in Psicologia all’Universidad de Salamanca con una tesi di dottorato sullo studio psicoanalitico del testo di Lazarillo de Tormes.

Psicologo clinico per l’Università Complutense di Madrid, ha esercitato la professione in ambito pubblico e privato, coltivando parallelamente la propria vocazione di scrittore e ricercatore nel campo della creatività artistica.

È professore onorario della Facoltà di Psicologia della UAM (Universidad Autonoma de Madrid), membro fondatore della Società Spagnola di Psicodramma e autore di numerose pubblicazioni nel suo ambito di specializzazione: psicopatologia applicata all’analisi di biografie di compositori come Beethoven, Chopin, Scarlatti, W.A. Mozart.

Come novellista ha indagato figure come quella di Cervantes (Un manuscrito encontrado en Esquivias, 2007), Domenico Scarlatti (Sonatas para el exilio de una reina, 2010) e Juan Crisostomo Arriaga (El baul de Arriaga. Diario de un musico en Par, 2011).

Appassionato di musica, studia piano sin da giovane; la sua ammirazione per l’opera di Bach è stata tradotta in una novella di successo: Yo conoci a Bach, el musico de Dios.