• Carnevale: è tempo di Schiacciata alla fiorentina 22 Gennaio 2019
      “Dolce antichissimo” scriveva Aldo Santini ne La cucina fiorentina: Storia e ricette. “Accompagnava il Carnevale. E a differenza di tutte le altre schiacciate toscane confezionate per la Pasqua, che son tutte alte, questa è bassa” aggiungeva prima di fornire la ricetta. In effetti se non fosse bassa, in questo caso circa due centimetri e mezzo, non…
    • Pisa e dintorni 20 Gennaio 2019
      Pisa e dintorni: Articoli relativi a "Pisa e dintorni" Pisa e l'Arno: storia e geografia di un antico sistema portuale L'antico attracco e la basilica di San Piero a Grado Abbazia di San Savino a Montione La pieve di Calci Vico Pisano: per le vie del borgo medievale Galleria foto di Vico Pisano S. Jacopo […]
    • Lunigiana 17 Gennaio 2019
      Lunigiana: In Lunigiana: il castello di Malgrate e il borgo murato di Filetto In Lunigiana: la pieve di Santo Stefano e "Il guerriero" di Sorano Castel Aghinolfi in Lunigiana A Codiponte in Lunigiana: un’antica pieve Il castello del Pignaro e il Museo delle stele (Parte prima: Il castello del Piagnaro) Il castello del Piagnaro e […]
    • Itinerari a piedi in Toscana 15 Gennaio 2019
      Itinerari a piedi in Toscana Un itinerario a piedi sulla Via degli Dei Un itinerario a piedi illustrato: da Buonsollazzo a Monte Senario Un itinerario a piedi: Petroio, Rincine, Fornace, Caiano Da Tagliaferro a Buonsollazzo: un altro tratto della Via degli Dei A Grosseto in giro per le mura medicee Camminare in Toscana: la Comunità […]
    • Il Pantheon degli Etruschi 11 Gennaio 2019
      Il Pantheon degli Etruschi Le divinità etrusche Livio definiva il popolo di Veio di gran lunga il più religioso  eo magis dedita religionibus, quod excelleret arte colendi eas (Ab Urbe condita, V, 1). Gli Etruschi furono sicuramente tra i popoli italici i primi a costruire un’immagine antropomorfa degli dei, probabilmente influenzati dai contatti con il mondo […]
    • Gli stabilimenti della Società Metallurgica Italiana di Campotizzoro 9 Gennaio 2019
      Gli stabilimenti della Società Metallurgica Italiana di Campotizzoro Archeologia industriale in Toscana Lo stabilimento in piena attività (foto d'epoca) L’abbondanza di corsi d’acqua con notevole pendenza, di legname e la produzione di carbone della Montagna Pistoiese avevano favorito la lavorazione del ferro e dei suoi derivati già a partire dalla seconda metà del XIX secolo, […]
    • San Gusmè 6 Gennaio 2019
      Siamo a San Gusmè un piccolo borgo murato a pochi chilometri da Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena. È situato sul collo del monte presso le prime sorgenti dell’Ombrone sanese, sulla strada rotabile che da Siena guida a San Gusmè, già detto in Campi, ch’ebbe e conserva il nome dell’antica sua chiesa parrocchiale San Cosimo in…
    • Vicissitudini di un’abbazia: Abbadia a Monastero d’Ombrone 3 Gennaio 2019
      Abbadia a Monastero d’Ombrone Conosciuta anche con il nome di Abbadia della Berardenga nella valle dell’Ombrone senese o come in origine di San Salvatore e Alessandro di Fontebuona a Campi sopra il torrente Coggia, a pochi chilometri da Castelnuovo Berardenga, ha una storia antica e molto travagliata. Oggi si presenta imponente nella vastità degli edifici […]
    • I top ten di dicembre 2018 1 Gennaio 2019
        I 10 articoli più letti nel mese di dicembre 2018     Dolci tipici toscani, la loro storia e le loro ricette La battaglia di Montaperti fra storia e leggende Firenze in antiche mappe Piatti tipici toscani, la loro storia e le loro ricette Santa Maria Novella a Firenze: storia di un’antichissima spezieria Quattro…
    • La genesi del paesaggio classico (quinta parte) 1 Gennaio 2019
      Dalle fonti antiche e secondo l’osservazione dell’antropologo Con particolare riguardo al paesaggio toscano di Giovanni Caselli Rosa di Damasco o bifera Per quanto riguarda i fiori del giardino vi erano diverse varietà di rose, come la famosa rosa di Damasco (Rosa bifera), altre varietà venivano dal Caucaso e dalla Persia. Erano famosi i giardini di […]

Antonio che asfaltò Renzi – Gianni Greco

Edida - Gianni Greco - Antonio che asfaltò Renzi

“Sull’orlo della morte, a 28 anni, Antonio alzò la testa, prese la schiacciasassi del proprio orgoglio e asfaltò ben bene quel “generoso” tiranno, poi cercò di sopravvivere al gesto sublime, ma ci riuscì solo per qualche mese, come una povera ape che ha perso il pungiglione…”

 

PER ACQUISTARE:

:: Su iTunes
:: Su Kobo (per PC e Android)

C’è sempre un Renzi nella vita di ognuno.
E c’è sempre un Antonio che può asfaltarlo.
Il mondo teatrale dei primi del Novecento appare meno distante dal nostro mondo di quanto si pensi: le Compagnie spesso erano condotte in maniera dittatoriale da capocomici che facevano il bello e il brutto tempo manovrando gli attori, utilizzandoli e liberandosene con l’atroce velocità di un precariato selvaggio.

Gli attori, come palle da biliardo, carambolavano da una Compagnia all’altra, conducendo una vita nomade e stentata, le cui sole luci della ribalta costituivano brevi momenti di gloria. Applausi. Inchini. Poi correre. E imparare a mente centinaia di copioni, perché ogni sera si recitava una commedia diversa, e provare, riprovare, costumi, trucchi, parrucche, barbe, gelosie, ripicche, pianti, sorrisi, a volte amori.

Questa era la vita di Antonio Greco, che sulla sua strada incontrò un uomo molto generoso, all’apparenza. Il Renzi. Uno che della bontà aveva fatto la propria maschera, ma che un giorno se la tolse, facendo ricordare ad Antonio che lui, torinese, aveva origini meridionali, e conseguente carattere.

Sull’orlo della morte, a 28 anni, Antonio alzò la testa, prese la schiacciasassi del proprio orgoglio e asfaltò ben bene quel “generoso” tiranno, poi cercò di sopravvivere al gesto sublime, ma ci riuscì solo per qualche mese, come una povera ape che ha perso il pungiglione. Ma si sa che il pungiglione resta conficcato nella pelle di chi ne è trafitto, e continua a esercitare la propria azione. A volte anche con una scioccante biografia anafilattica.

Ecco, questa è la storia di ANTONIO CHE ASFALTÒ RENZI, narrata dal nipote Gianni Greco, nato trent’anni dopo la sua morte.

 

AUTORE

Gianni Greco, di padre milanese, madre fiorentina e cognome da Magna Grecia, è fiorentino puro e italiano intero.

Nasce a Firenze con la musica in corpo, e infatti scrive canzoni.

Nasce con l’amore per le parole, e le parole gli danno da vivere: 34 anni di radio e televisione con lo pseudonimo di “G”, e poi spettacoli, teatro, libri, fumetti, conferenze, tutto pur di non lavorare manualmente.

La sua popolarità è dovuta soprattutto al programma radiofonico “Il Sondazzo”, con cui ha portato gli scherzi telefonici a diventare provocatori test sull’animo umano. Ha fatto ridere intere generazioni senza essere un comico, e le ha fatte riflettere senza essere un filosofo.

Sempre al limite della decenza, spesso oltre, apparentemente volgare nel suo linguaggio libero in realtà mai gratuito, “G” desta sentimenti opposti in chi lo segue: amore, odio…

In fondo, che differenza c’è?